logochataltour
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

facebook
logochataltour
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

facebook
instagram
Lorem ipsum dolor sit amet
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
image-722
Lorem ipsum dolor sit amet
16/09/2019, 17:42

tour



TOUR-I-BIZANTINI-DI-CALABRIA-
TOUR-I-BIZANTINI-DI-CALABRIA-
TOUR-I-BIZANTINI-DI-CALABRIA-
TOUR-I-BIZANTINI-DI-CALABRIA-


 1-3 NOVEMBRE 2019



                                                                   PROGRAMMA 
Tour "Bizantini della Calabria" 
VENERDI 1 NOVEMBRE: CALTANISSETTA - SIDERNO
VIAGGIO NELLA MEDIOEVALE GERACE 
Raduno dei signori partecipanti nei luoghi convenuti, sistemazione in pullman G.t partenza alla volta di Siderno. 
 Arrivo in hotel**** zona riviera dei Gelsomini per il pranzo. Nel pomeriggio sistemazione in camera e partenza per la visita del borgo medioevale di Gerace, importantissima città d’arte definita "centro storico monumentale",  ricca di viuzze caratteristiche, un castello, un susseguirsi di chiese e palazzi nobiliari ed una maestosa cattedrale medioevale, la più grande della Calabria. Degustazione del famoso vino Greco con assaggi dei rafioli, dolci tipici di Gerace, marmellate e formaggi tipici. Passeggiata tra i negozi di artigianato locale, tra cui le ceramiche, tra le più famose della Calabria. Rientro in hotel, cena e pernottamento. 
SABATO 2 NOVEMBRE: LA SPIRITUALITA’ DI SERRA SAN BRUNO 
Colazione. Trasferimento a Serra San Bruno e, dopo una passeggiata in comodi sentieri nel bosco, si giunge alle carbonaie, luoghi che sembrano usciti dalla storia, con omoni con la faccia annerita dal fumo lavorano faticosamente per 24 ore al giorno intrecciando abilmente la legna fino a costruire dei piccoli vulcani neri e fumanti dalle dimensioni incredibili di 15 metri di diametro e 5 metri di altezza che consumandosi daranno origine al carbone. Un lavoro affascinante e faticoso che si tramanda di generazione in generazione, mantenendo attive le ultime carbonaie d’Europa. Successivamente visita guidata del Museo della Certosa, che riproduce fedelmente gli ambienti dei certosini ed illustra la loro vita mistica e lavorativa all’interno della Certosa. Trasferimento in agriturismo con il seguente menù (o similare): 
antipasto con funghi di bosco, primo piatto con due ½ porzioni di cui una a base di funghi di bosco, secondo a base di carne, contorno, frutta, ¼ di vino locale, acqua di sorgente, vino locale e caffè. 
Nel pomeriggio breve visita del centro storico barocco di Serra San Bruno, con le sue stupende chiese. Successivamente trasferimento a Siderno Superiore, incontro con la nostra guida per una breve passeggiata lungo le suggestive viuzze dell’antico borgo risalente al X secolo caratterizzato da splendidi palazzi. Sulle strade del borgo: Tradizionale Ballo dei Giganti, figure alte 2 metri che in tempi antichi venivano usate per incutere timore negli avversari. Al suono incalzante dei tamburi, un ballo dei Giganti dal forte impatto emotivo per i suoi ritmi. Rientro in hotel, cena e pernottamento. 
DOMENICA 3 NOVEMBRE: LA VALLE BIZANTINA DELLO STILARO 
Colazione. Visita guidata della famosa "Valle dello Stilaro", con il Santuario di Monte Stella, superbo ed antico eremo di monaci bizantini, oggi luogo di culto della Madonna della stella, situata all’interno di una grotta naturale, posta sulle pendici della montagna. Si prosegue con la visita guidata a Stilo della superba Cattolica di Stilo, raro e straordinario esempio di arte bizantina e uno dei simboli archeologici della Calabria. Visita presso azienda che produce il famoso bergamotto per degustazione e possibilità di acquisto dei prodotti. Rientro in hotel per il pranzo. Dopo pranzo sistemazione in pullman e rientro alle proprie sedi.  Fine dei servizi. 
In allegato locandina con tutti i dettagli 
16/09/2019, 10:15

GITE GIORNALIERE



LE-VIE-DEI-TESORI---CATANIA-
LE-VIE-DEI-TESORI---CATANIA-
LE-VIE-DEI-TESORI---CATANIA-


 DOMENICA 6 OTTOBRE 2019



PROGRAMMA
 
PARTENZE 
 Da: Riesi 7.15, San Cataldo 7.45 ,Caltanissetta 8.00 (parcheggio via Guastaferro) .
 Sistemazione in pullman G.T. E partenza per   
 Catania
 Inizieremo la visita dei Tesori di Catania con Palazzo Manganelli a seguire visiteremo.  Il convitto nazionale Cutelli. 
Pranzo Libero. 
Nel pomeriggio la  visita proseguirà con il  Palazzo Asmundo di Gisira. 
In base all’orario di fine della visita , tempo a disposizione per un passeggiata per il centro di Catania, potrete anche visitare, acquistando il tkt in loco, altri tesori nel centro di Catania. 
Ore 19.00 rientro alle proprie sedi. 

CONVITTO NAZIONALE CUTELLI 
Il gioiello settecentesco ricco di affreschi e sculture

Correva l’anno 1654 e il giureconsulto Mario Cutelli, conte di Villa Rosata e signore dell’Alminusa, decideva di fare testamento. Davanti al notaio stabiliva che, se la linea maschile dei suoi successori si fosse estinta, una parte del suo patrimonio sarebbe stata devoluta alla fondazione di un "Collegio di uomini nobili", per educare e formare una classe dirigente virtuosa e laica. In realtà la dinastia dei Cutelli non si estinse, ma il Collegio nacque ugualmente fra tante controversie. Il risultato fu un autentico gioiello settecentesco, firmato dall’abate Giovan Battista Vaccarini, che all’edificio seppe conferire eleganza e armonia nelle forme, a cominciare dalla bella corte circolare. Occhio all’Aula Magna superbamente affrescata dai maggiori artisti dell’epoca.

PALAZZO MANGANELLI 
Il gioiello tardo barocco dove fu girato il Gattopardo

Luchino Visconti se ne innamorò, e lo scelse come set per il suo "Gattopardo": Palazzo Manganelli è un gioiello tardobarocco, costruito nel ’400. Nel 1505 è acquistato da don Alvaro Paternò e donna Isabella, baroni di Sigona (divennero principi di Manganelli sotto Filippo IV per le loro attività commerciali: il manganello era un attrezzo per filare la seta), ma il terremoto del 1693 lo distrugge e viene ricostruito su disegno di Alonzo Di Benedetto e Felice Palazzotto; due secoli dopo ci mettono mano il pittore zafferanese Giuseppe Sciuti e il fiorentino Ernesto Bellandi che aveva appena affrescato il Teatro Bellini. Oggi è proprietà dei Borghese, dopo il matrimonio di Angela Paternò, l’ultima erede dei Manganelli. Entrarvi è un viaggio meraviglioso, tra scaloni di marmo, tele monumentali (una di Sciuti sulla nascita dell’Università di Catania), saloni affrescati, un’enfilade di salottini, e il giardino all’italiana pensile, con tanto di ninfeo. Oltre alla sontuosa sala da ballo.

PALAZZO ASMUNDO  DI GISIRA
Barocco nero e sfarzo nell’antico palazzo nobiliare

Costruito nel 1704, dopo il devastante terremoto del 1693, fu tra i primi edifici a essere eretto nella piazza che all’epoca prendeva il nome di San Filippo, oggi Mazzini. Su progetto dell’architetto Giuseppe Palazzotto e per volere di Adamo Asmundo, fu uno dei contributi di quella rinascita che avrebbe reso Catania celebre per il suo "barocco nero", fatto di blocchi estratti dalla furibonda lava. Nella piazza, unica porticata della città, racchiusa da quattro corpi angolari ornati con trentadue colonne di età romana e sullo sfondo la facciata del duomo, il Palazzo si staglia nella sua eleganza. Sul prospetto principale campeggia lo stemma dell’omonimo casato. Trasformato ora in albergo, conserva affreschi e decori di pregio. 


 
01/06/2019, 12:26

ESTATE , MARE



DELFINO-BEACH-HOTEL-4*-


 ESTATE 2019



MARSALA ( TP) 

TARIFFE SETTIMANALI PER PERSONA DA € 221



12350